Cause nascoste dei danni causati dall’acqua in casa

Oltre a causare distruzione, i danni causati dall’acqua hanno anche un effetto negativo sulla qualità dell’aria interna della casa.
I danni causati dall’acqua possono provocare marciume del legno, infestazioni di insetti e muffe.

Le cause più ovvie dei danni causati dall’acqua sono le perdite di tetti, finestre, porte, crepe nelle fondamenta e perdite idrauliche visibili.
Sono abbastanza facili da individuare e consentono una rapida riparazione prima che si verifichino danni maggiori.

I colpevoli non così ovvi sono l’umidità dietro le pareti finite del seminterrato isolate con fibra di vetro, la cattiva livellazione intorno ai muri di fondazione e le perdite d’aria che si verificano tra lo spazio abitativo e il sottotetto.

Isolare le pareti del seminterrato finito con fibra di vetro non è una buona idea.

La fibra di vetro assorbe l’acqua e non le permette di attraversare la parete, impedendo l’effetto di asciugatura.

Alcuni pensano che la soluzione sia l’installazione di una barriera di plastica nella parete, ma questo approccio non fa altro che intrappolare l’umidità.
Un modo migliore è quello di utilizzare un isolamento rigido (noto anche come pannello blu).

Questo isolante è semipermeabile e permette all’umidità di attraversare la parete, consentendole di asciugarsi.
L’acqua può entrare nello scantinato anche se il terreno è inclinato verso la casa.

La sistemazione del terreno lontano dall’abitazione e l’aggiunta di grondaie allontanano l’acqua piovana dalla casa.

Le aperture dalla casa al sottotetto e lo scarso isolamento del soffitto nelle case situate in climi più freddi possono causare dighe di ghiaccio che fanno risalire l’acqua all’interno della casa.

Le perdite d’aria dall’abitazione al sottotetto trasportano l’umidità nel sottotetto, che può formare acqua sulla parte inferiore del tetto, provocando marciume e muffa.

I tipici punti di perdita tra l’abitazione e il sottotetto sono:

botole del sottotetto che perdono
fori praticati per tubi idraulici e cavi elettrici che penetrano nel sottotetto e di solito non sono sigillati
apparecchi di illuminazione a incasso che non sono del tipo a tenuta d’aria
Ventilatori di scarico che sfogano direttamente nel sottotetto.
Per chi vive in climi più caldi, i danni da acqua possono verificarsi all’interno delle pareti a causa di impianti di condizionamento mal progettati.

Gli impianti sovradimensionati (con una capacità superiore al necessario) non rimuovono l’umidità a sufficienza, il che porta a livelli elevati di umidità che si condensano sulle superfici più fredde.

I sistemi di canalizzazione sbilanciati possono aspirare l’umidità esterna attraverso i muri, producendo acqua nelle pareti.

Riparare i problemi del sottotetto sopra elencati può sembrare abbastanza semplice, ma cercare di farlo da soli non garantisce di aver davvero risolto il problema e a volte può portare ad altri problemi.

Rivolgersi a un esperto di isolamento specializzato in scienza delle costruzioni (noto anche come specialista delle prestazioni degli edifici) garantisce che il lavoro venga svolto in modo corretto e sicuro.

Questi specialisti sono dotati di strumenti come porte soffianti, manometri, ecc. per quantificare le misure adottate per le riparazioni.

Lo stesso vale per lo specialista dell’aria condizionata, che deve disporre di strumenti di diagnostica dei condotti per verificare che siano progettati correttamente e funzionino in modo efficiente.
Se non si riesce a trovare qualcuno nella propria zona,
I produttori degli strumenti di controllo necessari hanno nel loro database dei contraenti che possono raccomandare.

Oltre a risolvere i danni causati dall’acqua, la vostra casa sarà più confortevole, risparmierete sulla bolletta energetica e migliorerete la qualità dell’aria interna.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *